Software libero

Indice

Software gratuiti per architetti

…per gli architetti, per gli studi di architettura, per la grafica, la modellazione e la progettazione in campo edilizio

di Barbara Dell’Oro e L.M.C.

l’articolo originale è stato pubblicato su l’Architetto Italiano n°22-23 a. 2007-08

Lavorare con l’ausilio di un computer non è più un privilegio di pochi, ma una necessità per tutti.

Per gestire al meglio le informazioni che riceviamo o che noi stessi produciamo, siamo costretti a utilizzare un certo numero di software, ciascuno dei quali assolve un compito preciso.

Per inviare un progetto a un cliente, ad esempio, disegniamo la pianta e i prospetti con un software CAD, ne realizziamo una versione in 3D con un modellatore, poi ne elaboriamo una vista con un motore di rendering, la modifichiamo con un programma di fotoritocco, impaginiamo il tutto con un programma di grafica.

Per la relazione usiamo un word processor, per i calcoli un foglio di calcolo, e poi c’è il Gantt, il computo metrico, il calcolo delle strutture. Stampiamo le tavole e i documenti in PDF, impacchettiamo il tutto in un file ZIP, e spediamo il malloppo con il nostro programma di posta elettronica, magari usando un indirizzo di posta certificata. Ho contato almeno 10 software diversi, ma volendo far le cose bene possiamo arrivare a 14.

E sì, perché più si cerca la qualità, più si è costretti a usare software specificamente progettati per ottenere il risultato migliore.

Possiamo impaginare una tavola con un CAD, ma un programma di grafica lo fa molto meglio, possiamo stampare un rendering così come viene calcolato, ma se è ritoccato con un programma apposito, viene meglio e spesso si fa anche prima.

La qualità del risultato è spesso proporzionale al numero di software utilizzati per produrlo.

Ma quanto ci costa?

Molti risolvono la questione usando software pirata (a proposito, per scaricarli servono altri programmi specifici). Non è una soluzione accettabile. Non è eticamente accettabile, soprattutto quando esiste un’alternativa: il software libero o l’open source.

Lascerei da parte la distinzione, se pur importante, fra freeware, shareware, open-source, e quell’altra mezza dozzina di dizioni differenti: ci vuole un articolo apposta per spiegarle bene. Il succo è che questo software non si paga, perché sponsorizzato da altri, o la versione completa è a pagamento, oppure si sostiene con piccole donazioni (tenetene conto per le prossime feste natalizie). Ma è software legale!

La qualità del software libero? In alcuni casi eccellente, in altri assolutamente non comparabile con l’originale, in altri casi ancora la qualità è buona ma l’interfaccia è più spartana o destinata a un pubblico molto esperto.

Abbiamo realizzato un piccolo elenco, assolutamente non esaustivo, di software che crediamo possa essere utile in uno studio. Si va dal sistema operativo open source alla suite completa di programmi per l’ufficio. Per gli amanti della caccia (o della pesca?), c’è anche un elenco di risorse web che svolgono proprio quest’azione meritoria: segnalare il freeware e l’open source disponibile in Rete.

 

Vedi anche

 

un po’ di link

Sistemi operativi LINUX

Suite per l’ufficio

CAD

Fotoritocco

Gestione immagini

Modellazione e Rendering

Grafica Vettoriale

Creazione file PDF

GANTT E Project

Compressione File

Antivirus e Antispam

Siti web di Freeware o Shareware

Siti web di progetti Open-Source

Altri link non classificati

pubblicato in data: 02/11/2012